CATANIA – 15/03/2012

LA RISCOSSIONE DELLE ENTRATE LOCALI DAL 2012 ALLA LUCE DELLE NOVITÀ INTRODOTTE DAL DECRETO MONTI E DAL DECRETO MILLEPROROGHE 2012

Il 15 marzo 2012 a Catania si è svolta una giornata di studio, organizzata da ANUTEL e sponsorizzata da Engineering Tributi, sulla gestione della Riscossione delle Entrate Locali.

Le continue modifiche normative apportate dal Legislatore alla normativa sulla riscossione dei tributi locali, con cui si è cercato di risolvere l’impasse creatosi a seguito dell’approvazione del D.L. 70/2011 (cd. Decreto sviluppo) convertito in L. 106/2011, che aveva previsto – a partire dal 1° gennaio 2012 – l’abbandono della riscossione delle entrate locali da parte di Equitalia e la contestuale limitazione del potere di riscossione di tutti gli altri soggetti abilitati allo svolgimento di tale attività, non sono ancora riuscite a fornire le necessarie risposte per stabilizzare un settore di vitale importanza per i Comuni che – alle prese con i continui tagli dei trasferimenti e nell’ottica dell’attuazione del federalismo fiscale municipale – devono cercare di ottimizzare anche la riscossione delle proprie entrate, nel tentativo di ridurre i costi di tale procedura e di garantire il massimo introito a favore dell’Ente.

La giornata di studio ha avuto la finalità di permettere ai Comuni di delineare una corretta procedura operativa in materia di riscossione, per chiarire i numerosi dubbi legati a tale complessa materia.

L’incontro è stato moderato da Mario COCO (Dirigente Settore Tributi del Comune di Misterbianco – Componente Giunta Esecutiva A.N.U.T.E.L.).

Sono intervenuti i seguenti relatori che hanno approfondito gli argomenti oggetto dell’incontro:

Maurizio FOGAGNOLO (Avvocato TributaristaRedattore de Il Sole 24 Ore – Docente A.N.U.T.E.L.)
La riscossione delle entrate locali nel 2012.
Il nuovo assetto della riscossione, a fronte del rinvio al 2013 dell’abbandono della riscossione delle entrate locali da parte di Equitalia, previsto dal D.L. 70/2011, convertito in L. 106/2011, come modificato dal D.L. 201/2011, convertito in L. 214/2011 (Decreto Monti).
Le diverse possibilità per attuare la riscossione delle entrate locali in via ordinaria e forzata, a fronte delle modifiche introdotte dal D.L. 216/2011 (Milleproroghe 2012).
La riscossione ordinaria delle entrate comunali.
La riscossione coattiva/forzata delle entrate comunali.
La compatibilità del nuovo sistema con l’obbligo di affidamento dell’attività di riscossione e di accertamento delle entrate mediante procedura ad evidenza pubblica, ai sensi dell’art. 3, comma 25bis D.L. 203/2005, convertito in L. 248/2005:
Le difficoltà nella riscossione delle entrate legate agli strumenti utilizzabili dagli Enti locali e dai soggetti terzi, a fronte della mancata estensione della possibilità di utilizzare il ruolo come strumento di riscossione sia ordinaria che coattiva ed all’obbligo di utilizzare l’ingiunzione fiscale e di pagamento ex R.D. 639/1910 e delle limitazioni introdotte alla procedura esecutiva delle entrate.

Cesare Rovati – Responsabile Sviluppo offerta e marketing Engineering Tributi Spa
IMU, TARES e Riscossione delle Entrate Locali: le soluzioni di Engineering Tributi a supporto dell’Ente

Share this article

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>